CAPISSCE A MMÈ? DO YOU UNDERSTAND ME? ANNA SIMI

RITRATTI DELLA GESTUALITÀ BARESE / HOW TO UNDERSTAND A BARI NATIVE, DOCUMENTING HIS GESTURAL MOTIONS.
A umma - a umme! - Stai facendo le cose sotto sotto, di nascosto! - Pietro, classe 1936
Sì probbie du iùne! - Sei proprio dell'uno! - Antonio, classe 1974
N'ha ffritte de pulpe, la frùsckue! - Ne ha fritti di polpi, la furbetta! - Mariannina, classe 1936
Non ne vogghie sapè cchiù nudde! - Non ne voglio sapere più niente! - Giuseppe, classe 1929
Sì probbie du iùne! - Sei proprio dell'uno! - Lillo, classe 1968
Mannagge! - Mannaggia! - Rosa, classe 1933
Ce uè? - Che vuoi? - Vito, classe 1965
Arrète! - Di nuovo! - Angelina, classe 1921
Avaste! - Ora basta! - Giovanni, classe 1938
Cazze acchecchiàte! - Se la intendono! Hanno fatto comunella! - Angela, classe 1930
Mò te ià dà nu tuzze! - Se non la smetti mi vedrò costretto a colpirti con una testata! - Giulio, classe 1968
Te ià torce l'ndràme! - Ti strizzo le budella! - Oronzo, classe 1957
Tàgghie! - Taglia, dacci un taglio, falla più breve! - Maria, classe 1931
Mò te ià abbettà l'ècchie ! - Ora ti gonfio gli occhi! - Vito, classe 1965
Frùsckue! - Si è data da fare! - Annamaria, classe 1941
Tìine l'acque n-gape! - Tieni l'acqua in testa! Hai la testa vuota! - Mario, classe 1931
Moooh ce ccule ca tìine! - Accidenti, che fortuna! - Nicola, classe 1948
Le corne ca tìine - Tieni le corna, sei un furbacchione! - Pasquale, classe 1946
Facce de trè de mazze! - Hai la faccia come la carta del tre di bastoni! - Marta, classe 1943
Facce de trè de mazze! - Hai la faccia come la carta del tre di bastoni! - Giovanni, classe 1974
Mò te ià fà u cule acchesì! - Ora ti farò un culo grande così! - Umberto, classe 1957
Sì assute sscème? - Sei matto? Sei fuori di senno? - Onofrio, classe 1930
Sì remanùte com'a la zite de Cègghie! - Sei rimasta sola come la sposa di Ceglie del Campo! - Gaetana, classe 1948
Canarùte! - Sei goloso! - Gaetano, classe 1967
Sì probbie du iùne! - Sei proprio dell'uno! - Antonio, classe 1937
BBèlle bbèlle! - Non avere fretta, vai piano! - Carlo, classe 1967
Mò te ià dà iùne! - Ora ti picchio! - Giuseppe, classe 1931
Cazze acchecchiàte! - Se la intendono! - Pietro, classe 1936
Ce v'acchiànne? - Che vai trovando? - Maria, classe 1931
No nge stà na lire! - Non ci stanno soldi! - Salvatore, classe 1936
Pìgghiue n-gule! - Prendilo in quel posto! - Vincenzo, classe 1944
Te sì pegghiàte tutte u vrazze! - Stai approfittando della mia disponibilità! - Giovanni, classe 1938
Mechelòne! - Ti bevi sempre tutto! Credulone! - Gianbattista, classe 1965
Tu la sà longhe! - Tu la sai lunga! - Giovanni, classe 1938
Ha da ballà sop'a ccusse! - Fatti un ballo sopra a questo! - Carlo, classe 1960
Vìine ddò! - Vieni qua, avvicinati! - Mario, classe 1931
Iè mmuèrte! - È morto, ha fatto una brutta fine! - Lillo, classe 1968
N'ha ffritte de pulpe, la frùsckue! - Ne ha fritti di polpi, la furbetta! - Nunzia, classe 1958
Recottàre! - Sei un protettore di prostitute, sei un pappone! - Federico, classe 1932
BBèlle bbèlle! - Non avere fretta, vai piano! - Francesco, classe 1942
Nu capelavòre! - Un capolavoro, una bellezza! - Domenico, classe 1953
Tu la sà longhe! - Tu la sai lunga! - Angelo, classe 1985
La cape aggire! - Sono assillato da tanti problemi! - Felice, classe 1950
Iè vacande com'o rizze de scennàre! - Ha la testa vuota come lo sono i ricci di mare a Gennaio! - Andrea, classe 1961
Tènghe fame! - Ho fame! - Michele, classe 1941
Và-a rrubbe a Ssanda Necòle! - Vai a rubare a San Nicola! - Marta, classe 1943
Mò te ià fà u cule acchesì! - Ora ti farò un culo grande così! - Vincenzo, classe 1944
Auande a ccùsse! - Prendi e porta questo! - Oronzo, classe 1957